La Ruota della Vita, Tanka tibetano

Angeli
e
Karma

FONTE BIBLIOGRAFICA 13

Le seguenti parole sono tratte dall’opera esoterica sugli Angeli di Vicente Beltran Anglada (1919-1988), scrittore e conferenziere con notevoli doti di sensibilità e chiaroveggenza.

Angeli e materia

Dal punto di vista esoterico, tutto ciò che avviene o si realizza nella vita della Natura è un gigantesco fenomeno psichico, motivato dalla Volontà del Creatore nell’infondere la Sua Vita nella Materia ed evocare da questa sempre più sottili risposte. I Piani dell’Universo giustificano questa Volontà o proposito della Divinità e non vi è alcun angolo all’interno del Sistema solare che non alberghi una potenza psichica, irradiando energia attraverso la sua aura eterica e creando un determinato campo magnetico.
Ammettendo questo fatto, si potrà giungere facilmente alla conclusione secondo cui lo Spazio contiene in sé una potenza intelligente ed integratrice di tutti quei campi magnetici e li converte in determinati ambienti all’interno dell’ordine collettivo o sociale della Natura. Qualsiasi tipo di ambiente all’interno dell’umanità, sia personale, familiare, professionale o collettivo, è il risultato della condensazione di un determinato tipo di energia psichica, generata dagli essere umani e manipolata creativamente dalle potenze integratrici dello Spazio, che noi chiamiamo Angeli o Deva.

Libero arbitrio e Karma

La perfezione umana, che nasce dal compimento del destino karmico, non è altro che un risultato della compenetrazione intelligente dell’uomo con l’attività dei Deva, che dai livelli occulti controllano il compimento della Volontà di Dio. Quando stabiliamo questa chiara distinzione fra il libero arbitrio umano e la volontà divina incarnata dai Deva, ci stiamo introducendo realmente nelle vere cause o motivazioni della storia individuale, collettiva o planetaria. Il centro di incidenza del processo è il Karma o Destino, ossia la Legge di Causa ed Effetto che governa l’assoluto compimento della Volontà di Dio all’interno delle frontiere o dell’ "anello invalicabile" dell’Universo.
Ciò che fa l’uomo, mentre si trova nel pieno esercizio del suo libero arbitrio, è offrire una costante resistenza alla Volontà reggente del Destino; questa resistenza si chiama normalmente volontà individuale. Vi è pertanto un lunghissimo tragitto da percorrere prima che l’uomo possa comprendere che il suo libero arbitrio si oppone costantemente alla volontà divina, e decida intelligentemente di cambiare la condotta della sua vita. Le energie deviche, come fonti di costruzione, sono presenti ovunque e costituiscono la causa occulta di tutte le forme, seminando nel cuore umano le eterne semenze della comprensione superiore. E’ esattamente questa comprensione che deve realizzare nel "sancta sanctorum" del cuore individuale la trascendente alchimia di convertire il libero arbitrio in volontà perfetta, occultamente descritta come Iniziazione.

Origine della Gerarchia spirituale

Nel centro del processo superiore che va dal libero arbitrio umano alla Volontà divina troveremo sempre che le occulte motivazioni di tale trascendente esperienza sorgono da regioni sconosciute dell’etere, che io denomino mondo devico o regno angelico.
Queste energie deviche costituiscono il misterioso asse attorno al quale gira la Ruota del Destino individuale, planetario o solare mossa dai Signori del Karma. La legge è sempre la stessa, nonostante cresca o diminuisca la misura o i limiti dello sforzo della Vita dentro la Forma. Così, un piccolo atomo avrà un destino tanto completo come quello dell’intero Universo, a prescindere dalla infinitesimale misura del suo canale o dalla ristrettezza del suo campo di espressione. La Vita è la misura di tutte le cose, però si sa limitare in ciascuna di queste secondo il Piano universale disegnato dalla Divinità. Questa limitazione dà origine al principio di Gerarchia spirituale all’interno del Cosmo. E’ per questo che esistono particolari ed intime relazioni fra Vita, Coscienza e Forma, termini frequentemente utilizzati nei libri esoterici. La Vita appartiene sempre alla Divinità creatrice, la Coscienza è il privilegio della Vita manifestata e la Manifestazione, con la sua infinita prodigalità di Forme, corrisponde all’attività delle gerarchie deviche.

"Lavorare insieme"

La missione delle Entità deviche è quella di dotare di Forme sempre più degne e belle le coscienze in evoluzione all’interno dell’anello invalicabile del pianeta e dello stesso Universo. Il segreto della Forma, uno dei grandi misteri iniziatici, rivela che qualsiasi particella di materia deve rendersi radioattiva per poter liberare le energie della Vita divina contenute nel suo interiore. Tale è il lavoro assegnato al Regno devico e all’umanità: lavorare insieme.
Il risultato di questa fusione di attività avrà come conseguenza la liberazione da quell’infelice destino che l’umanità persegue fin dalle più primitive età, smettendo così di soffrire e di sentirsi fatalmente legata alla Ruota del Destino con la sua interminabile sequenza di morti e rinascite.

I Signori del Karma

Una parte del segreto che può essere rivelato sui Signori del Karma è che sono Entità Angeliche di elevatissima ed indescrivibile perfezione spirituale, la cui evoluzione si realizza in sconosciuti livelli del Piano mentale cosmico. Essi agiscono in forma interdipendente, governando ciascuno un determinato settore del Sistema solare e della vita della Natura.
Queste eccelse Entità realizzano il Loro lavoro attraverso un’infinita e prodigiosa quantità di Deva, appartenenti a diverse gerarchie, che esercitano il loro potere dai livelli senza forma fino alle più oggettive forme di vita dei regni inferiori, seguendo quattro obbiettivi specifici che costituiscono la particolare essenza delle Loro vite e delle Loro speciali missioni:

1. La distruzione di tutte le forme cristallizzate nella vita dell’Universo.
2. L’espressione costante e permanente del proposito di perfezione solare.
3. Il registro ciclico di tutti gli avvenimenti temporali ed eterni dell’Universo.
4. La creazione di forme nuove per il processo infinito di rinnovamento degli impulsi ciclici nella vita della Natura.

Queste quattro attività fondamentali caratterizzano o personificano i Signori del Karma. Vediamole:

a. L’Angelo della Morte
b. L’Angelo della Giustizia
c. L’Angelo degli Archivi Akasici
d. L’Angelo della Liberazione

Si potrebbe affermare che i quattro impulsi fondamentali dell’evoluzione, o attività dei Signori del Karma nella vita dell’Universo, generano tutti gli aspetti ciclici planetari:

a. Il movimento di rotazione terrestre con le sue quattro fasi: giorno, notte, aurora e crepuscolo.
b. Il movimento della Terra attorno al Sole con le quattro stagioni dell’anno: primavera, estate, autunno, inverno.
c. I quattro punti cardinali del pianeta: Nord, Sud, Est, Ovest.

d. I quattro Yuga o età planetarie: Kali Yuga, Dwapara Yuga, Treta Yuga e Satya Yuga, ossia l’età del ferro, l’età del bronzo, l’età dell’argento e l’età dell’oro.
e. Le quattro età nella vita dell’essere umano: infanzia, gioventù, età matura e vecchiaia.

Generalmente, ed utilizzando l’analogia, si vedrà che nell’espressione ciclica di tutti gli aspetti quaternari della vita manifestata, può essere percepita l’attività dei Signori del Karma che utilizzano la prodigiosa rete eterica che circonda il pianeta ed ha la sua espressione in tutti i Regni della Natura.

I SIGNORI DEL KARMA
L'Angelo della Morte

Ogni attività sviluppata nella vita della Natura che sia collegata con il fenomeno della morte, è governata da questo Signore del Karma. Niente muore e niente si estingue nell’onnicomprensivo seno della Creazione senza che intervenga direttamente questa Volontà esecutrice che distrugge incessantemente le forme consumate in un qualsiasi piano o livello dell’Universo, del pianeta o di ciascuno dei regni affinché sulle loro ceneri possano strutturarsi forme nuove sempre più belle e luminose, nell’incessante ricerca di un archetipo di perfezione. Il lavoro di distruzione affidato a questo Signore del Karma, apparentemente negativo, crudele e spietato – visto dall’angolo unilaterale degli esseri umani – è, tuttavia, eminentemente costruttivo e positivo dal punto di vista esoterico. Infatti vengono unicamente distrutte le forme vecchie, consumate e cristallizzate incapaci di resistere alla dinamica pressione delle energie della Vita, costantemente rinnovate, che sorgono dal Grande Oceano Creatore.
Il Signore della Morte agisce all’interno dell’Opera occulta della Divinità affinché "il Movimento della Vita di Dio" non si paralizzi mai.

I SIGNORI DEL KARMA
L'Angelo della Giustizia

Questo Angelo porta simbolicamente la Spada del Compimento nella sua mano destra e sostiene la Bilancia della Giustizia degli Atti nella sinistra. Alla sua visione tutto è buono nella vita della Natura: non premia e non castiga, ma si limita al compimento esatto della Legge.
Il Signore della Giustizia estrae una considerevole parte delle Sue energie dal pianeta Giove, il quale in tutti gli annali esoterici, astrologici e mistici è considerato come "Padre di Amore e di Giustizia" e rappresenta nella vita dell’Universo il Suo Logos Solare. Un’altra meravigliosa peculiarità del Signore della Giustizia è in rapporto con "l’Invocazione degli Avatar", ovvero di Quegli Esseri cosmici che ciclicamente e periodicamente ritornano nel mondo o in altre parti dell’Universo "per far trionfare la Legge e per ristabilire l’Ordine".

I SIGNORI DEL KARMA
L'Angelo dei Registri Akasici

Questo Signore del Karma viene esotericamente denominato la "Memoria Cosmica". Questa straordinaria Entità Angelica mantiene in Sé non soltanto il vivo ricordo di tutti i fatti ed avvenimenti che accaddero nel passato, ma anche tutti quelli che avranno luogo nel futuro dei pianeti che costituiscono il nostro Sistema solare.
Questo Grande Signore somministrerà a tutti quelli che siano capaci di stabilire un contatto con la vita di qualcuno dei Suoi Angeli servitori, non soltanto le memorie del passato ma anche l’intuizione del futuro.

I SIGNORI DEL KARMA
L'Angelo della Liberazione

L’opera di questo Signore del Karma può essere sintetizzata nelle parole "rinnovazione e creazione", poiché tutta la Sua attività nella vita dell’Universo consiste nell’introdurre le energie di Compimento universale in tutte le cose create ed in tutti gli esseri viventi. In questo modo prepara le condizioni necessarie affinché i Suoi Grandi Fratelli, il Signore della Morte, quello della Giustizia e quello dei Registri Akasici possano stabilire la Legge, l’ordine e la legalità in tutto il Sistema solare.

L'Opera dei Signori del Karma

Prima di tutto vi è da supporre, come base della Creazione e delle sue possibili ripercussioni nell’Ordine evolutivo, l’esistenza di un tremendo ed indescrivibile impulso dinamico proveniente dalla Volontà di Compimento della Divinità, che sorge dalle misteriose viscere universali e crea le precise condizioni affinché il Signore degli Archivi possa registrare il processo.
In seguito interviene la Volontà del Signore della Giustizia che cerca la perfezione di tutte le forme create, ed impone un Ritmo in base all’evoluzione delle coscienze che utilizzano quelle forme per manifestarsi. Quanto questo Ritmo viene scompensato, quando manca l’equilibrio necessario o esiste una notevole resistenza da parte della forma, appare il Signore della Morte che distrugge con i suoi "dardi di fuoco" – come misticamente si dice – quelle strutture incapaci di seguire il Ritmo che la Legge della Giustizia esige e consegna al Signore della Liberazione "i corpi e le anime" delle unità di vita che non poterono resistere al sacro impulso del dinamismo cosmico.
Quindi questo Grande Signore, utilizzando adeguati metodi di vibrazione, rinnova quelle forme e, come si dice in antichissimi scritti esoterici, "brucia negli Altari del Cuore Silenzioso del Logos tutti i germi di limitazione esistenti", creando per le Forme un Sentiero di Redenzione e per le anime un altro confronto di rinnovamento e liberazione. Mentre tutto ciò ha luogo, il Signore dei Registri prende nota del processo.

Il simbolo della Croce

L’attività congiunta di questi eccelsi Esseri viene rappresentata simbolicamente sotto la forma geometrica della Croce in tutto l’Universo e i pianeti che lo costituiscono. I quattro punti cardinali della Terra ed i movimenti di rotazione e traslazione degli astri sono aspetti della Croce karmica come il quaternario della vita umana (corpo fisico, doppio eterico, veicolo emozionale e mente discernitrice). Questa Croce può essere osservata nei quattro petali che compongono il Chakra Muladhara, simboli della lotta e del sacrificio karmico che operano nella coscienza umana e da dove inizia il vero destino dell’uomo…

Torna alla home page


.it